Home » Il ballo (Laddestramento di Kate, #3) by Ellen Dominick
Il ballo (Laddestramento di Kate, #3) Ellen Dominick

Il ballo (Laddestramento di Kate, #3)

Ellen Dominick

Published March 30th 2015
ISBN :
Kindle Edition
42 pages
Enter the sum

 About the Book 

La festa è finalmente iniziata. Kate, una cameriera sottomessa, è stata affittata a una coppia di anziani per essere formata. Le insegneranno come sottomettersi completamente, e non solo a loro. Oggi cè il grande ballo, e tutti gli invitati possonoMoreLa festa è finalmente iniziata. Kate, una cameriera sottomessa, è stata affittata a una coppia di anziani per essere formata. Le insegneranno come sottomettersi completamente, e non solo a loro. Oggi cè il grande ballo, e tutti gli invitati possono usare Kate come loro giocattolo sessuale. Nel menu ci sono giochi, fruste, collari e qualsiasi cosa vi possa venire in mente. Sarà capace di sottomettersi ed essere il centro della festa, venendo posseduta davanti a tutti?Esplicito! Questa storia perversa di 11000 parole contiene scene esplicite di sesso anale, vaginale e in pubblico,  di esibizionismo, BSDM, sculacciate, orge, menage e la dominazione totale di Kate da parte degli invitati sexy. Solo per adulti maggiorenni.Un estratto:Ok, basta. Mi getto di nuovo nella mischia. Stavolta, mi ferma un giovane. Ha occhi grigi gentili e un vestito di sartoria. Ha i capelli così folti e castani che vorrei infilarci le dita.Prende in mano lo sculacciatore.“Che roba è?” chiede. Prende, uno dopo laltro, tutti gli oggetti che ci sono sul vassoio e se li rigira nelle mani. Deve essere nuovo.“Può usarli.” dico.“Usarli? Come?” chiede. Ora ha in mano la panna montata. Toglie il tappo e si spruzza una montagna bianca sulla punta della lingua.“Su di me.” dico io.Sgrana gli occhi e mi fissa. “Aspetta, veramente?” chiede. Io gli sorrido. Un forte rossore gli sale su dal colletto della camicia, e comincia a esaminare le sue possibilità. Poi guarda la panna montata che ha già in mano.“Posso usare questa?” chiede. “Su di te?”“Sì.”“Come?”“Come vuole.” dico io.